Consulenza Legale vittime di incidenti stradali

Incidenti stradali

Salient

Consulenza Legale vittime di incidenti stradali

Salient

Medici Legali

Siamo un gruppo di professionisti che si occupano di incdentistica stradale

Costi

I nostri servizi legali e medici vengono pagati in base ai risultati conseguiti e solo dopo aver ottenuto il risarcimento. Per questo, prestiamo particolare attenzione ai casi che ci vengono proposti.

Risultati

Considerando che il nostro lavoro viene pagato a raggiungimento del rimborso siamo molto attenti al caso e accettiamo solo casi gravi

Incidenti stradali con danni gravi

Chi è stato vittima di un incidente stradale conosce bene le difficoltà che si possono incontrare quando si è vittima di danni. La burocrazia italiana è molto intricata in tal senso e ha tempi piuttosto lunghi e, inoltre, richiede il pagamento di alcune spese per avviare le pratiche istruttorie relative all’accertamento del danno. Qualcuno potrebbe dire, quindi, che oltre al danno (spesso grave) chi è vittima di un incidente stradale venga anche beffato dall’ordinamento ma non è così o, per lo meno, non del tutto. La nostra agenzia si occupa di incidenti stradali con danni gravi e meno gravi da ormai tantissimi anni, concentrando la sua attenzione esclusivamente sulle fattispecie fondate e comprovate. Questo ci permette di dare la massima assistenza a tutti quelli che hanno bisogno di un supporto concreto per arrivare in tempi brevi al risarcimento giusto del danno subito: questo non può e non dev’essere un’utopia per chi ha subito un danno in un incidente stradale ed è quello che noi vogliamo ottenere mettendo in campo la nostra squadra di esperti, composta da periti di comprovata esperienza, medici legali e avvocati con i quali ci coordiniamo per ogni singola pratica che ci viene sottoposta.

Perché parliamo di risarcimento giusto? Purtroppo, nel nostro Paese c’è un meccanismo molto particolare e assolutamente ingiustificabile che tende ad avvantaggiare i poteri forti, che nel caso specifico di incidenti stradali con danni gravi sono le compagnie di assicurazione. E’ lecito pensare che le assicurazioni cerchino sempre di pagare una cifra inferiore rispetto a quella che effettivamente spetterebbe al danneggiato ma esistono delle regole e delle tabelle che non possono essere derogate e alle quali noi ci atteniamo con attenzione e con precisione per inoltrare le richieste di risarcimento consone al danno subito. Purtroppo, troppo spesso ci giungono notizie di persone che a seguito di un danno grave subito durante un incidente stradale, pur di accorciare i tempi per l’ottenimento del risarcimento ed evitare esborsi di denaro eccessivi, scendono a compromessi del tutto sfavorevoli, ottenendo una cifra nettamente inferiore a quella che, invece, sarebbe loro spettata. Questo è uno dei motivi per cui la nostra società si impegna a 360 gradi al fianco delle persone vittime di incidenti stradali con danni gravi e meno gravi, assicurando una copertura completa e professionale senza nessun costo anticipato per l’avvio delle pratiche. Il nostro compenso è rappresentato da una percentuale che ci viene corrisposta esclusivamente nel momento in cui il risarcimento viene erogato. Cosa significa questo? Significa che a differenza di altre agenzie che chiedono il pagamento anticipato, spesso in maniera del tutto slegata dall’eventuale ottenimento (ed entità) del risarcimento, è anche nel nostro interesse che i nostri assistiti ottengano un risarcimento consono in tempi brevi, perché fino a quel momento noi non percepiamo nemmeno un euro da loro. Dato che ci occupiamo solamente di incidenti stradali, con danni gravi o meno, effettivamente avvenuti e con dinamiche chiare o, comunque, chiarificabili da un perito, ogni persona che si rivolge a noi per ottenere l’assistenza in caso di incidente ha la certezza di ottenere un risarcimento del danno subito ma, soprattutto, di ottenerlo in maniera coerente sulla base di un lavoro di perizia oggettivo su quelli che sono i danni effettivi.

A tal proposito, vogliamo entrare nello specifico della questione, perché non tutti sanno che per il risarcimento degli incidenti stradali con danni gravi o di lieve entità esistono delle tabelle su cui basare le valutazioni. Ci teniamo a specificare che, secondo quanto disposto dalla legge, ogni tribunale può far riferimento a un proprio tabellario, tuttavia, nel 2011, la Corte di Cassazione ha stabilito che le tabelle più idonee e meglio strutturate al fine di stabilire l’equità del risarcimento sono quelle del Tribunale di Milano, che sono anche quelle maggiormente impiegate insieme a quelle del Tribunale di Roma. Questa misura adottata dalla Corte di Cassazione arriva al termine di un lungo periodo di analisi che ha preso in considerazione i casi di incidenti stradali con danni gravi e lievi che si sono verificati nel nostro Paese e le conseguenti entità del risarcimento. Da questa analisi è emerso che ci sono troppe e ingiustificate disparità di risarcimento del danno, che minano la certezza del diritto nei danneggiati. A fronte di questo è stato necessario uniformare i criteri risarcitori affidandosi alle tabelle che, più di tutte, hanno dimostrato di essere affidabili e, soprattutto, rispettose dei principi di giustizia. E’ a queste che noi ci affidiamo per effettuare i calcoli del risarcimento spettante ai nostri assistiti a seguito di un incidente stradale con danni gravi o meno: non puntiamo a ottenere più di quanto sarebbe giusto ma solamente a un risarcimento consono al danno subito. L’interpretazione oggettiva e uniforme del diritto non dev’essere messa in discussione dai periti delle compagnie di assicurazione, visto che è anche garantita dall’articolo 1226 c.c. sulla valutazione equitativa del danno. La Corte di Cassazione, quindi, con la sentenza del 2011, ha applicato il principio della valutazione dei danni secondo parametri di valutazione uniformi, un principio garantito per altro anche dall’articolo 139 del codice delle assicurazioni private, ovviamente da leggere e utilizzare con riferimento effettivo e concreto alla specifica fattispecie.

In questa sede vogliamo dare una definizione concreta di danno, in particolare di danno biologico, perché ci rendiamo conto che troppo spesso c’è troppa confusione attorno a questo concetto. Il danno biologico è stato introdotto nella giurisprudenza nel 2001, con la legge n. 57, al comma 3 dell’art. 5. Per definizione, è una lesione dell’integrità psicofisica che può essere accertata mediante perizia di un medico legale. Questo danno è completamente slegato dall’eventuale incapacità del danneggiato di produrre un reddito a seguito di un incidente stradale: i danni gravi o meno gravi devono essere univocamente stabiliti in riferimento a una tabella in cui sono indicate le menomazioni all’integrità psico-fisica su una scala da 1 a 100, che rappresentano i punti di invalidità derivanti dall’incidente. Si tratta di un punto percentuale che si riferisce a un’invalidità permanente del danneggiato. Da 1 a 9 punti vengono chiamate invalidità micro-permanenti e da 10 a 100 sono le cosiddette invalidità macro-permanenti, i cosiddetti danni gravi. I danni gravi vengono considerati anche come una somma di diverse tipologie di invalidità subite dal danneggiato. I nostri periti si attivano immediatamente per effettuare una valutazione oggettiva del danno subito sulla base delle tabelle specifiche e in base a quanto da loro riferito, poi, i nostri avvocati si presentano in tribunale con le prove e con tutta la documentazione in regola per dimostrare ai giudici che il nostro assistito è meritevole di ottenere un risarcimento congruo al danno subito in seguito all’incidente stradale.

Incidenti stradali con decesso

La normativa sull’incidente stradale con decesso La normativa che riguarda gli incidenti stradali con decesso è entrata in vigore il 25 marzo 2016, dopo essere stata pubblicata due giorni prima, il 23 marzo, sulla Gazzetta Ufficiale. Stiamo parlando della legge n. 41 intitolata “Introduzione del reato di omicidio stradale e del reato di lesioni personali stradali, nonché disposizioni di coordinamento al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e al decreto legislativo 28 agosto 2000, n. 274”.

Incidenti stradali con decesso

Incidenti stradali causati da animali

Non è raro il caso in cui si resti vittima di incidenti stradali causati da animali. L’argomento è spesso balzato agli onori della cronaca, parlando di ripopolamento faunistico di alcune zone d’Italia e in ambito di discussioni riguardanti l’eticità o meno della caccia. Alcuni animali selvatici, colonizzati in zone rurali adiacenti a strade a scorrimento veloce, possono, soprattutto di notte, invadere la carreggiata e provocare incidenti.

Incidenti stradali causati da animali

Incidenti stradali con danni gravi

Chi è stato vittima di un incidente stradale conosce bene le difficoltà che si possono incontrare quando si è vittima di danni. La burocrazia italiana è molto intricata in tal senso e ha tempi piuttosto lunghi e, inoltre, richiede il pagamento di alcune spese per avviare le pratiche istruttorie relative all’accertamento del danno. Qualcuno potrebbe dire, quindi, che oltre al danno (spesso grave) chi è vittima di un incidente stradale venga anche beffato dall’ordinamento ma non è così o, per lo meno, non del tutto.

Incidenti stradali con danni gravi

Sinistri causati dalla cattiva manutenzione

Il discorso dei sinistri causati dalla cattiva manutenzione delle strade è ampio e impervio. Esiste una specifica legge, nella fattispecie l’articolo 2043 del Codice Civile, che imputa all’Ente Gestore delle strade la colpa di tutti i sinistri avvenuti a causa di negligenze su manutenzione e sicurezza. Tuttavia, la maggior parte delle dinamiche dei sinistri offre scenari interpretativi, che portano gli Enti Gestori a scagionarsi, trovando cause o concause dell’incidente fuori dalla loro responsabilità.

Sinistri causati dalla cattiva manutenzione delle strade

Rogan

Rogan Srls - P.Iva 02949240549

Indirizzo

PO-LDN 123
Via Settevalli 131/C Perugia 06132

Orari

Monday - Friday
Lunedi - Venerdi
09:00 - 17:00
09:00 - 19:00